Seguici

© Rec News -

del

Trascrizione tradotta: Io sono Nicola Maduro, Presidente costituzionale della Repubblica Bolivariana del Venezuela. Voglio inviare un messaggio al popolo degli Stati Uniti per metterlo in guardia sui media, la guerra psicologica condotta a livello internazionale soprattutto dai media americani, contro il Venezuela. Questa campagna è stata preparata per giustificare un colpo di stato in Venezuela, che è stato organizzato, finanziato e sostenuto attivamente dall’amministrazione di Trump. Tutti sanno che una brutale campagna di false immagini, di manipolazione di immagini, di finte immagini, è stata avviata.

Non bisogna credere a tutto quello che dicono su di noi in televisione. Io sto dicendo con il cuore, che non può dire una menzogna, che il Venezuela e Maduro hanno enormi armi di distruzione di massa, in modo che nessuno abbia una scusa per invaderci. Così ora, inventano altre menzogne e false notizie ogni giorno, per giustificare l’aggressione contro il nostro Paese. Faccio un appello alla vostra coscienza, vi invito alla solidarietà, vi invito ad un risveglio verso la verità.

Non lanciamoci in un’altra guerra, come il Vietnam. Se il governo degli Stati Uniti intende intervenire con noi, sarà peggio del Vietnam, più di quanto si possa immaginare. Noi non vogliamo la violenza. Possiamo resistere. Siamo un popolo pacifico, orgogliosi della nostra storia e di Simon Bolivar e Hugo Chavez. Il Venezuela è una democrazia solida. Abbiamo i nostri problemi, come qualsiasi altro Paese, e li risolveremo da noi stessi. La nostra gente merita rispetto.

Nel nostro paese c’è la più grande certificata riserva di petrolio del mondo. E agli occhi di chi guida l’impero, il nostro petrolio è degli Stati Uniti, si vuole mettere le mani su di esso, come hanno fatto in Iraq e in Libia. Che ricchezza che ci appartiene. E’ attestato che siamo attestante il primo al mondo di riserve d’oro, abbiamo il quarto più grande riserve di gas al mondo. Siamo un paese di grandi risorse naturali ed energetiche. Questa è la verità e questo spiega i continui attacchi contro il Venezuela.

Ecco perché mi appello alla vostra coscienza, per solidarietà con noi. Non lasciate che Donald Trump e il gruppo di estremisti intorno a lui, come John Bolton, Mike Pompeo, la CIA e Mike Pence imporre le loro menzogne e la loro colpo di stato contro il Venezuela. Sostenere il popolo del Venezuela nella loro lotta per la democrazia. Ho fiducia in voi, cittadini americani. Qui in Venezuela avete dei fratelli. Io sono un ammiratore della storia degli Stati Uniti. Conosco il vostro paese. Ho guidato attraverso Boston, Philadelphia, Baltimora, New York e Washington. So che il vostro paese e in largo. Voglio avere rapporti di rispetto, di vicinanza e di collaborazione con tutti gli Stati Uniti. Gli Stati Uniti sono un grande paese, ed è molto più grande di Donald Trump.

Voglio avere buone relazioni e risolvere i nostri problemi, di pace e la diplomazia. Chiedo solo rispetto per il Venezuela e ho bisogno del vostro sostegno per evitare una guerra come quella in Vietnam. Chiedo per la pace e chiedo rispetto per la mia gente. Sono sicuro che stiamo andando a continuare su questo percorso storico, perché siamo sul proprio percorso storico, siamo nel giusto posto nella storia. Vi ringrazio molto.

Continua a leggere
Commenta per primo
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

OPINIONI

Quello di Mollicone in realtà è un assist ai sostenitori dell’utero in affitto. Se non peggio

La frase del presidente della commissione Cultura della Camera ed esponente di FdI ha scatenato aspre polemiche sia tra i sostenitori della mercificazione del corpo della donna e sia, di contro, in chi ci vede un qualcosa di assolutamente ambiguo e fuori luogo

© Rec News -

del

Quello di Mollicone è un assist ai sostenitori dell'utero in affitto. Se non peggio | Rec News dir. Zaira Bartucca

“L’utero in affitto è un reato più grave della pedofilia”. Lo ha detto questa mattina il presidente della commissione Cultura della Camera ed esponente di FdI Federico Mollicone, ospite di Omnibus di La7. La frase ha scatenato aspre polemiche sia tra i sostenitori della mercificazione del corpo della donna e sia, di contro, in chi ci vede un qualcosa di assolutamente ambiguo e fuori luogo. Per quanto infatti Mollicone si sia affrettato a chiarire che lo sfruttamento di minori indifesi sia “un reato gravissimo”, rimane il mistero dell’utilità del paragone utilizzato.

Si può scomodare un reato che continua a mietere un sacco di vittime – con la compiacenza di tutti i governi che si succedono, compreso quello di Giorgia Meloni – e, in qualche modo, sdoganarlo e quasi scusarlo nell’ottica che ci sia qualcosa di “più grave”? Non sarebbe invece il caso che Fratelli d’Italia, oltre alla lecita battaglia sull’utero in affitto, cominciasse a dissociarsi da uscite assolutamente fuori luogo come quella di Mollicone e Nordio e iniziasse a rispondere a quella parte (tanta) dell’elettorato che anziché dichiarazioni ambigue chiede la punizione immediata di tutti i colpevoli di reati ai danni di bambini e minorenni? Perché fare una cosa non esclude l’altra, e bisognerebbe informare il presidente della Commissione Cultura che non ci sono reati migliori di altri.

Che poi dire una frase come quella pronunciata da Mollicone è come fare un clamoroso autogol, o meglio come dare un assist – cosa che in effetti ha fatto – ai sostenitori della pratica dell’utero in affitto. Messa così, l’ascoltatore medio chiamato a decidere quale reato sia più grave, è quasi tentato a provare più simpatia per la maternità surrogata se dall’altro lato della bilancia ci sono le violenze a danno di malcapitati minori. Insomma secondo gli ideatori di dichiarazioni di questo tipo – ovviamente riprese da tutta la stampa mainstream – il risultato in un modo o nell’altro è sempre garantito, se con risultato si intende il tentativo di normalizzare delle pratiche abominevoli e disumane, oltre che illegali.

Continua a leggere

POLITICA

Edilizia scolastica, stanziati 936 milioni per 399 istituti. Gli interventi regione per regione

© Rec News -

del

Edilizia scolastica, stanziati 936 milioni per 399 istituti. Gli interventi regione per regione | Rec News dir. Zaira Bartucca
Comunicato Stampa

Il Ministero dell’Istruzione e del Merito ha pubblicato l’elenco di 399 interventi di edilizia scolastica indicati dalle Regioni a seguito dello stanziamento di risorse aggiuntive avvenuto con decreto del Ministro del 7 dicembre 2022 e finanziati con circa 936 mln di risorse nell’ambito del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, immediatamente attuativi.

Gli interventi sono dedicati a messa in sicurezza degli istituti, alla riqualificazione, all’adeguamento sismico e antincendio, all’eliminazione delle barriere architettoniche e sono stati individuati nei Piani presentati dalle Regioni entro lo scorso 17 febbraio. I Comuni e le Province possono avviare subito la definizione delle progettazioni e le procedure per l’appalto dei lavori. Con successivo decreto verranno autorizzati alcuni ulteriori interventi, utilizzando i residui della programmazione (scorri in basso per vedere la tabella con gli interventi, regione per regione).

Continua a leggere

ESTERI

Cooperazione russo-cinese, annunciata la firma di documenti bilaterali

© Rec News -

del

Cooperazione russo-cinese, annunciata la firma di documenti bilaterali | Rec News dir. Zaira Bartucca

Il 20 marzo 2023 il presidente cinese Xi Jinping si recherà in visita di Stato in Russia. Durante i colloqui verranno discusse questioni inerenti lo sviluppo del partenariato globale e della cooperazione strategica tra Russia e Cina. In agenda anche la cooperazione russo-cinese sulla scena internazionale. Da parte del Cremlino l’annuncio della firma di “importanti documenti bilaterali”.

Continua a leggere

POLITICA

Un’altra incongruenza della Riforma Cartabia

© Rec News -

del

Un'altra incongruenza della Riforma Cartabia | Rec News dir. Zaira Bartucca

Si tratta di una materia tecnica e articolata, ma ha un effetto diretto su centinaia di migliaia di famiglie italiane, quelle cioè che hanno un’esecuzione immobiliare in corso. Una casa in asta, insomma. Solo nel 2022 sono state pubblicate sul Portale di Vendite Pubbliche oltre 191.000 aste, da sommare alle centinaia di migliaia di lotti pubblicati negli anni precedenti e non assorbiti dal mercato. E con il D. Lgs n. 149/2022, attuativo della Riforma Cartabia, cambiano molte cose. Il 30 giugno entrerà in vigore, tra l’altro, una novità che ha un impatto diretto sulle esecuzioni immobiliari. Peccato che ci sia un’incongruenza che potrebbe rendere del tutto nulla la novità. Lo spiega Lucjiana Lozancic, amministratore delegato di Case Italia e Rendimento Etico, società di servizi immobiliari specializzati nella risoluzione del debito.

“Con la riforma Cartabia, il legislatore introduce la “vendita diretta” dei beni esecutati in alternativa alla vendita all’asta “ordinaria”. In parole semplici, chi si è visto pignorare la casa avrà la possibilità di venderla ad acquirenti privati. Lo scopo è coinvolgere l’esecutato nella vendita del bene pignorato. Perché dovrebbe farlo? Semplice: per evitare che, in caso di asta deserta, la casa sia rimessa in vendita a un prezzo inferiore”. Infatti, spiega l’esperta, “la vendita in asta di una casa spesso non risolve i problemi di debito dei proprietari”. I meccanismi delle aste portano spesso alla svalutazione dell’immobile, con il risultato che nella maggior parte di casi la vendita non soddisfa i diritti dei creditori.

“Riteniamo che la vendita diretta potrebbe rappresentare un’alternativa interessante per la persona con la casa in asta. Inoltre, la riforma vorrebbe tutelare i creditori dalla svalutazione del bene. Peccato che la vendita diretta al momento risulti “monca”. Infatti, chiunque voglia presentarsi a un’asta, sa che vi è la possibilità di offrire fino al 25% in meno rispetto al prezzo base d’asta, partecipando con un’offerta minima. Se l’acquirente acquista direttamente dall’esecutato, stando alle interpretazioni attuali della riforma, deve corrispondere il prezzo base. Insomma: non gli conviene”.

“E questo dettaglio – prosegue Lozancic – fa la differenza: potrebbe rappresentare un passo indietro per la risoluzione definitiva del debito. Riteniamo che per la risoluzione del debito l’attività dei professionisti in grado di trattare direttamente con i creditori, continuerà ad essere indispensabile anche dopo l’attuazione della riforma, anche perché cercare una soluzione professionale PRIMA che la casa vada all’asta è sempre preferibile e spesso anche possibile”.

Continua a leggere

Ora di tendenza

© 2018-2023 Rec News - Lontani dal Mainstream. Iscrizione Registro Operatori della Comunicazione (ROC) n. 31911. Copyright WEB121116. Direttore Zaira Bartucca, P.IVA 03645570791 - Testata online con ricavi inferiori ai 100.000 euro esente da registrazione in Tribunale (Decreto Editoria n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012). Vietata la riproduzione anche parziale

Accedi ai contenuti extra di Rec News!

X
error: Vietata ogni tipo di copia e di riproduzione