Agricoltura, scure su ulivi e ortaggi italiani

Gli eventi atmosferici anomali devastano le colture nostrane, ma dopo la sostituzione etnica è pronta anche quella alimentare. Al collasso la produzione di olio extra-vergine, mentre sul mercato olivicolo si afferma il Marocco

L’agricoltura del domani sarà africana. Per molti è un’auspicio, per altri, come gli agricoltori e i produttori italiani, un dramma. Lo testimoniano i recenti report di Coldiretti e di Campagna amica. I primi fotografano una situazione a dir poco disastrosa, causata dagli eventi atmosferici anomali ma anche dalle politiche scriteriate che tendono a preferire l’importazione a tutti i costi. La seconda è il tentativo di incidere su tale quadro con l’agricoltura di prossimità, quella che agevola il commercio a chilometro zero dei produttori locali. Quelli che, per esempio, per quest’anno sui fagiolini non ci hanno guadagnato, ma perso. A “mamma Europa” importa poco, perché per il rimpiazzo agri-global c’erano pronti i fagiolini africani. Dopo la sostituzione etnica, insomma, è pronta anche quella alimentare.



Crollano i giganti verdi pugliesi. Marocco e Spagna ringraziano
25 milioni di ulivi danneggiati e raccolti complessivi che si aggirano “attorno ai 200 milioni di chili. Numeri – riporta Coldiretti nell’ambito dello studio Salvaolio –  vicini ai minimi storici per la pianta simbolo della dieta mediterranea”. I dati parlano di un taglio dei raccolti di circa due terzi, con “un milione di giornate di lavoro perse”. A essere danneggiata è stata soprattutto la Puglia, com’è noto colpita dal morbo della Xylella (prima sconosciuto in Italia), che ha fatto registrare un calo dei raccolti del 65 per cento. E mentre la Spagna chiude il 2018 con il sestuplo di piante rispetto al Belpaese, nel settore produttivo si affaccia, guarda un po’, il Marocco. Nemmeno poi tanto timidamente: messa a segno la “missione ortaggi”, c’è da aspettarsi che faccia altrettanto sulla partita dell’oro verde.



“Fermiamo l’invasione di olio straniero”
Per comprendere quanto questi aspetti incidano sull’economia e sulla quotidianità, è sufficiente dare un occhiata agli scaffali, dove è facile imbattersi in oli misti di provenienza europea a basso costo, paradossalmente concorrenti degli extra-vergini italiani. Clima, Ue e importazioni selvagge hanno fatto di questi ultimi un prodotto precluso a tutti, visto che un litro non costa meno di 7-8 euro. A perderci sono aziende e produttori, ma anche i consumatori, visto che le miscele di qualche euro non è detto che rispettano i parametri in vigore fino a qualche anno fa, con tutte le conseguenze del caso su salute e organismo. A lanciare l’allarme è lo stesso presidente di Coldiretti Ettore Prandini: “Vanno affrontate le molteplici criticità, dalla inarrestabile strage provocata dalla Xylella alle contraffazioni, dall’invasione di olio straniero a dazio zero al falso Made in Italy per salvare un settore strategico per la salute dei cittadini, il presidio del territorio, l’economia e l’occupazione”.


Leggi anche
>>> Corsa all’Africa, il nuovo Terzo Mondo sarà l’Italia
>>> L’Italia regala un miliardo al nord Africa
>>> Salvini conferma: “Daremo soldi a ottocento ghanesi”



Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami
error:

Consigliati

Let’s face it, no look is really complete without the right finishes. Not to the best of standards, anyway (just tellin’ it like it is, babe). Upgrading your shoe game. Platforms, stilettos, wedges, mules, boots—stretch those legs next time you head out, then rock sliders, sneakers, and flats when it’s time to chill.