Seguici

© Rec News -

del

Che le visite “istituzionali” di Matteo Salvini in Africa siano servite a invertire la rotta in tema di migranti, era noto. Prima di questa mattina, però, non ci si immaginava che il ministro dell’Interno avrebbe fatto un clamoroso passo indietro odi lato, forse per sedare le polemiche dei buonisti del “prima i migranti” e chissene degli italiani. E allora vai con l’accoglienza istituzionalizzata, guidata, stabilita con i vertici africani ma che fa bene anche alla criminalità locale, grazie a cui sono giunti nel nostro Paese altri 51 privilegiati. Tutti ben vestiti, curati, rilassati e all’apparenza lontani dal clima di guerre e privazioni. Niente occhi allucinati dalle brutture dei Boko Haram, solo sorrisi e sguardi complici.

Continua a leggere dopo le foto

Intanto in Africa si continua a morire di malattie, stenti e denutrizione. Quanto farebbero comodo i sei euro al giorno a testa – il ministro crede di “risparmiare” solo perché non sono più 35 – agli scheletrini che lasciamo tali solo per legittimare l’inefficace lavoro delle associazioni di settore? Stando proprio ai dati dell’Unicef – in partenariato con la Polizia di Stato per la ricezione del ricavato delle vendite del calendario 2019 – con 50 euro si potrebbe sostenere la terapia nutrizionale a base di plumpynut per nove bambini malnutriti. Il titolare del Viminale ha pensato bene di destinarne 42 a settimana per africano che “ha bisogno”. Ma bisogno di che cosa se chi davvero corre sul filo continua a morire? Forse di un lavoro e di un posto migliore dove stare, e quindi con necessità simili a quegli italiani che, al netto degli slogan, si continuano a non considerare?

Parliamo, quindi, ancora una volta di migranti economici e non umanitari, che come sempre stanno bene dove stanno. E i migranti economici per tutti, Salvini compreso, vengono prima degli italiani provati dalle politiche europee, privati di una dignità che nemmeno le elemosine legate ai redditi elargiti saranno in grado di restituire. Perché gli italiani in povertà assoluta che Istat ha stimato in un’indagine impietosa del 2017 sono 5 milioni e 58 mila. Povertà assoluta, per chi non lo sapesse, significa sopravvivere, cioè condurre una vita dove non mancano gli sfizi o lo shopping settimanale, ma il necessario. E con questo si intende cure mediche, cibo per far fronte al fabbisogno giornaliero, possibilità di garantirsi un’abitazione o anche solo un ambiente salubre. E secondo l’Istituto nazionale di statistica quasi l’8 per cento degli italiani si trova in questa condizione.

Come sempre, si tratta di cifre stimate, previste. Perché i veri poveri sono quasi sempre lontani dai censimenti, dai moduli e dai sondaggi. Si tratta di padri di famiglia che abitano nei camper, di famiglie che vivono in macchina assieme a figli piccoli cui non riescono a garantire nemmeno una casa o l’igiene personale, di bambini che svengono a scuola perché non mangiano da giorni, di anziani sfrattati dalla casa che hanno pagato con i sacrifici di una vita. Ma, si sa, noi italiani siamo razzisti. Parliamo perché ci sentiamo superiori, perché non vogliamo permettere l’integrazione e l’Italia la vogliamo tutta per noi. Allora, caro ministro Salvini, faccia un regalo a questi razzisti che in queste ore commentano sdegnati sotto i suoi post. Continui pure a girarsi dall’altra parte come tutti per quello che riguarda le disgrazie degli italiani ma, almeno, faccia aiutare chi ha bisogno davvero piuttosto che il ceto medio africano.

elezioni politiche rec news dir. zaira bartucca

OPINIONI

L’errore dei partiti, la Flat tax e il futuro dell’Italia

di Denys Shevchenko

© Rec News -

del

L'errore dei partiti, la Flat tax e il futuro dell'Italia | Rec News dir. Zaira Bartucca

L’economia italiana e le proposte deboli dei partiti, quasi tutte manchevoli di reali idee di crescita per il Paese. Non ci sono proposte concrete, non c’è rispetto per le esigenze e per le istanze dei cittadini. Si sentono troppi monologhi, mentre sarebbe importante scendere dal piedistallo e iniziare ad ascoltare. Questo potrebbe migliorare il rapporto tra la politica e un popolo sempre più disgustato e disilluso. Le parole si dimenticano, il rispetto no.

Continua a leggere dopo le foto

Che dire poi della campagna elettorale e di tecnici sempre più improvvisati, che fanno commettere scivoloni grossolani pur essendo – in alcuni casi – lautamente retribuiti? Per me qualcosa non funziona. E se non funziona dall’inizio, come può funzionare nel momento in cui i partiti si troveranno a governare?

Non basta promettere di azzerare le tasse o parlare dell’aumento del potere d’acquisto se gli stipendi rimangono più bassi della media europea. L’azienda che viene agevolata dalla Flat Tax paga meno tasse, ma che fa per i lavoratori? Forse – non è sicuro – ne assume altri, ma per loro la situazione rimane la stessa, quindi è un regalo a una fetta troppo esigua di popolazione. In tempi di crisi si deve guardare all’aumento della produttività, ma anche con la tassa piatta il futuro imprenditore ci penserebbe mille volte prima di aprire un’attività. Certo, chi non rischia non saprà mai come andrà a finire.

Ma secondo me questa misura – che potrebbe essere promettente – continua ad avere delle debolezze che vanno sanate. Per farla funzionare, se quello è l’intento, ci vogliono moltissimi anni, oppure bisogna collegare un progetto di ampio respiro. Il punto però è che i tecnici spesso non sono in grado di vedere abbastanza avanti, oppure sono troppo restii ad accettare proposte.

Un’altra cosa che ho sentito è l’azzeramento dell’Iva sui prodotti alimentari. Per il cittadino forse è bello sentire una cosa del genere, ma nella pratica si crea un buco nell’economia nazionale. I soldi per sanarlo vanno trovati, e non possono essere cercati in uno strumento indebitante come il PNRR.

Il primo punto in agenda dovrebbe essere invece la creazione di nuove aziende su tutto il territorio nazionale. L’Italia deve essere unita e stretta attorno a questo proposito, con tutti i governatori di tutte le regioni, senza divisioni politiche. La politica, tanto brava a scendere a compromessi, dovrebbe trovare urgentemente un accordo per non far perire l’Italia. Esistono modi per creare lavoro in poco tempo e per sempre, anche guardando alla sostenibilità. Ho avuto già modo di parlare varie volte del mio progetto “Ragnatele”, pensato specificatamente per un territorio come l’Italia che ha bisogno di rialzarsi in fretta, perché in caso contrario rischia molto.

Concludo dicendo che gli italiani devono essere apprezzati e premiati per la loro pazienza infinita, e che va garantito loro un futuro migliore. Questo nessuno lo dice, e da come parlano certi politici si sente chiaramente che dei cittadini non gliene frega purtroppo niente. L’Italia è il Paese della bellezza, dove le decisioni spetteranno sempre ai cittadini. Se qualcuno pensa di prenderli in giro anche questa volta deve prepararsi al caos.

Rec News dir. Zaira Bartucca – recnews.it

elezioni politiche rec news dir. zaira bartucca
Continua a leggere

OPINIONI

Partiti e punti in programma, gli “up and down” della settimana

Le mance ai 18enni, la scuola tirata in ballo come un jolly, la Russia, il (presunto) attacco al sistema e la pandemia immaginaria: in questa tornata elettorale non manca davvero nulla, e c’è da immaginarsi che dal 25 settembre in poi tutti – indistintamente – avranno dimenticato le loro promesse. Intanto ecco cosa ci è piaciuto e cosa si potrebbe migliorare

© Rec News -

del

Partiti e punti in programma, gli "up and down" della settimana | Rec News dir. Zaira Bartucca

Il vecchio trucco della sinistra di attaccare i partiti per mezzo di presunti scandali questa volta non funzionerà. Gli italiani sono stanchi delle parole e daranno credito solo a chi saprà concepire progetti concreti. Intanto è già corsa a chi si intesta lo slogan migliore e a chi si accaparra più simpatie elettorali riesumando vecchi cavalli di battaglia. Le mance ai 18enni, la scuola tirata in ballo come un jolly, la Russia, il (presunto) attacco al sistema e la pandemia immaginaria: in questa tornata elettorale non manca davvero nulla, e c’è da immaginarsi che dal 25 settembre in poi tutti – indistintamente – avranno dimenticato le loro promesse. Intanto ecco cosa mi è piaciuto e cosa si potrebbe migliorare.

Continua a leggere dopo le foto
Un milione di alberi da piantare

La proposta di Berlusconi di piantare un milione di alberi sarebbe ottima se permettesse di creare nuovi posti di lavoro. Aumentare il verde delle città e collegare i centri a una rete di parchi – come ha detto recentemente – potrebbe diventare un progetto a lungo termine in grado di migliorare la salubrità dell’aria e la salute dei cittadini. Si può anche creare profitto dal verde e perfino dalle erbacce, ma questo è un altro argomento su cui mi soffermerò in futuro.

Flat Tax

La Flat Tax, la tassa fissa, dovrebbe davvero essere tale, invece oggi riguarda solo una piccolissima platea, mentre le partite Iva continuano a dover far fronte a un sacco di pagamenti. E’ una misura nata negli Stati Uniti dove funziona perfettamente, ma in Italia non può avere senso se non è collegata a un progetto economico-finanziario di ampio respiro.

Pensioni

Mille euro ai pensionati, alle mamme, alle nonne. Bene, ma il governo dove prenderà i soldi? L’economia senza investimenti non può durare. E’ giusto dare respiro agli italiani, ma bisogna prima spiegare come si vuole fare nel pratico. Spero che i politici non abbiano in mente nuove tasse. In Italia la disoccupazione è ai massimi storici, ma dov’è un progetto urgente per garantire l’innalzamento dei livelli occupazionali?

Rdc e stipendio minimo

Non basta più raccontare la favola che gli italiani non vogliono lavorare: la verità è che ci sono troppe tasse e gli stipendi sono troppo bassi per garantire un tenore di vita adeguato. Sto parlando di stipendi che possano dirsi tali e di nuovi posti di lavoro. Un’azienda italiana non può pagare meno di 1500 euro. Il reddito di cittadinanza serve a sopravvivere, non a vivere. Bisogna legiferare per stipendi minimi dignitosi e contemporaneamente garantire una base di aiuto per far fronte alle spese crescenti e al caro bollette. Questo permetterebbe di far girare più soldi: una persona che spende di più, aiuta le aziende e anche lo Stato.

Nazionalizzare le imprese e aiutare quelle che restano

Chi verrà dopo Draghi si deve ricordare che nazionalizzare non è un crimine, anzi. L’Italia è ormai stata spogliata di tutte le realtà produttive e chi andrà al governo dovrà operare una poderosa inversione di tendenza se vorrà rimanere saldo al suo posto. Basta affamare il territorio e basta incentivare gli esodi verso l’estero. Semmai bisogna fare il contrario, aiutando chi nonostante la crisi decide di rimanere in Italia e di riportare qui i capitali.

Infine, una preghiera

Per ultimo, basta cadere in provocazioni stupide, in litigi e in botta e risposta da asilo. Il tempo passa e alle tantissime famiglie in difficoltà serve un governo responsabile, un futuro migliore e la certezza di vivere in modo dignitoso.

Rec News dir. Zaira Bartucca – recnews.it

elezioni politiche rec news dir. zaira bartucca
Continua a leggere

OPINIONI

Evitare di colpire il settore agricolo e quello edile migliorando le condizioni dei lavoratori

I modi per mitigare gli effetti della calura estiva potrebbero essere tanti, senza multare gli imprenditori che già scontano gli effetti della crisi o avviare i dipendenti alla CIGS in una sorta di limbo da pre-licenziamento

© Rec News -

del

Evitare di colpire il settore agricolo e quello edile migliorando le condizioni dei lavoratori | Rec News dir. Zaira Bartucca

Non bastavano i lockdown e l’aumento della robotizzazione del settore manifatturiero confermata nel scorsi giorni dal ministro al Lavoro e alle Politiche Sociali Andrea Orlando. Non era sufficiente l’azione di governatori troppo zelanti che credono che l’agricoltura possa essere limitata per decreto. A dare uno schiaffo ulteriore a settori occupazionali già in crisi arrivano ora le campagne di vigilanza per stanare pericolosi workers agostani che si ostinano a voler generare introiti nella stagione estiva. Perché lo fanno? Il dubbio attanaglia l’intera classe politica, che negli scorsi giorni si è mobilitata – prima delle corse verso le spiagge di San Teodoro, della Versilia e di Portofino – per preservare il proprio vitalizio.

Continua a leggere dopo le foto

Il problema oggi è “il caldo”, in inverno sarà il freddo e per le stagioni più temperate forse “la fatica”. L’importante è dare badilate sempre più violente al Made in Italy senza che ci sia alcuna reale esigenza, visto che l’unico governo europeo sfiorato da idee del genere è stato il nostro: farà caldo anche in Spagna, Germania e Francia o lì si sta come in Lapponia? Ma è chiaro che, picconata dopo picconata, gli introiti delle multinazionali saranno finalmente salvi dalla “concorrenza sleale” delle piccole e medie imprese (lo hanno detto davvero, parlando degli autonomi) dove – guarda un po’ – si annidano i problemi più insidiosi per la sicurezza. Mica come per i riders sottopagati o i dipendenti Amazon che non possono neppure andare in bagno: lì si che tutto procede come deve.

Al netto dell’ironia

Al netto dell’ironia: è normale che si applichi “tolleranza zero” verso le aziende edili e gli imprenditori agricoli che (ovviamente) hanno bisogno di manodopera anche in estate per portare avanti produzione e costruzioni? E’ giusto punirle in nome di una fantomatica “insostenibilità” delle temperature? Non passeggiamo sempre più sul crinale di quanto aveva immaginato Orwell, con le regole da strapazzo volute dal Grande Fratello? Il tutto avviene, per inciso, a ridosso delle vendemmie autunnali, con gli imprenditori del settore vitivinicolo che necessariamente devono schierare maestranze tra agosto e ottobre.

E’ giusto – è chiaro – tutelare i lavoratori e tentare di preservarli da possibili malori, sempre che questo sia il reale intento, ma forse prima di tutto sarebbe il caso di ammettere che la mascherina con 35 gradi all’ombra non è una grande idea, perché limita l’afflusso di ossigeno al cervello e perché potrebbe causare quei “malori” che da un anno a questa parte si continuano ad attribuire al caldo. Se ne registrano centinaia di casi non solo nei cantieri edili e nelle campagne, ma anche a mare, al fresco, nell’acqua, in montagna, al volante di veicoli. Ovviamente a ben guardare non ci sarà “nessuna correlazione”, così come nessun nesso intercorrerà con i vaccini.

Qualche suggerimento

Eppure i modi per mitigare gli effetti della calura estiva potrebbero essere tanti: anziché multare gli imprenditori che già scontano gli effetti della crisi o avviare i dipendenti alla CIGS in una sorta di limbo da pre-licenziamento, si potrebbe prevedere l‘installazione di pensiline o di gazebo dove i lavoratori possono trovare riparo all’occorrenza, si potrebbe aumentare la distribuzione – a carico del datore – di acqua o integratori salini e, infine, dovrebbe essere garantita per contratto la possibilità di fare pause tra una sessione e l’altra. In un Paese normale ci penserebbero i sindacati, ormai completamente appiattiti sulle posizioni del governo. Non serve neppure scrivere che ogni ambiente interno dovrebbe essere dotato di aria condizionata a temperature adeguate o di altri sistemi di refrigerazione, ma questo vallo a dire agli Amish dell’Agenda che individuano nei due gradi in più di temperatura la causa dell’inquinamento e disastri climatici globali.

Rec News dir. Zaira Bartucca – recnews.it

elezioni politiche rec news dir. zaira bartucca
Continua a leggere

Ora di tendenza

error: Vietata ogni tipo di copia e di riproduzione